Ultima Notizia
26/09/2018
Ottobre è vicino ed è tempo di Utùbar GRASS: la rassegna enogastronomica piacentina organizzata dalla confraternita dei GRASS alla quale hanno aderito ventisette ristoranti presenti nella sua guida. Un evento che coprirà l’intero mese di ottobre con lo scopo di far conoscere le tradizioni culinarie del piacentino. La Confraternita dei GRASS, associazione di promozione sociale che si impegna dal 1999 a promuovere l’enogastronomia della provincia di Piacenza, organizza la Rassegna enogastronomica “Utùbar Grass 2108” in collaborazione con Unione Commercianti Piacenza, Confesercenti e FIPE, con l’obiettivo di far scoprire l’eccellenza della cucina locale e dei prodotti del territorio a sempre più persone provenienti non solo dal territorio stesso, ma anche da quelli contigui. L’evento è patrocinato dalla Provincia di Piacenza e dalla Regione Emilia Romagna. I ristoranti aderenti proporranno, per tutta la durata della Rassegna, per tutti i giorni della settimana, un menu composto da antipasto, primo, secondo e dolce, incluso anche il coperto e l’acqua, ad un prezzo complessivo scontato rispetto a quello normalmente praticato per i singoli piatti. In alcuni casi sono inclusi nel menu vino, caffè, liquore. Saranno inoltre proposte delle bottiglie di vino piacentino, in abbinamento al menu, a prezzo scontato, rispetto a quello normalmente in carta dei vini, per la Rassegna. Tutti i piatti presenti nei menu si baseranno su ricette tradizionali e prodotti del territorio. Le ricette dei piatti proposti da ogni ristorante saranno pubblicate dai GRASS sul loro sito internet, sui social media ad esso collegati (es. Facebook, Instagram, ecc.) e su un eventuale ricettario cartaceo. Per ogni ricetta pubblicata verrà indicato il ristorante che l’ha fornita. Non potevano mancare visite e degustazioni di vini presso le aziende vitivinicole del piacentino, così, ogni domenica, per tutto “l’Utùbar GRASS” è previsto un appuntamento con una cantina differente

vai alle notizie


 
  Le Guide Enogastronomiche

La Guida ai Ristoranti e alle Trattorie

Ristorante Torretta

http://www.ristorantetorretta.it/
Loc. Chiavenna Rocchetta di Lugagnano(PC)
tel.  0523 / 89.13.28
Chiusura: martedì sera, mercoledì

Per arrivarci: da Piacenza prendere la SP6 per Carpaneto e proseguire poi in direzione Castell’Arquato. Allo svincolo girare a destra per Vigolo Marchese e poi tenere per Prato Ottesola/Chiavenna Rocchetta: il ristorante lo si trova dopo un po' sulla sinistra.
Parcheggio: Di fronte al ristorante c'è un parcheggio, altrimenti si parcheggia lungo la strada senza problemi.
Coperti: 100+40

data ultima visita: 11/2016



Il locale esiste da oltre un secolo. L'attuale gestione della famiglia Ghizzoni è iniziata nel 1983 ed è ora giunta alla seconda generazione. Il nome proviene da una piccola torre che è incorporata oggi nella costruzione, che è un rustico ben ristrutturato con qualche aggiunta più recente, immerso nella bellissima campagna della raccolta Val Chiavenna. Con la bella stagione è possibile cenare all’aperto. La gestione è squisitamente familiare, e tra i clienti la maggioranza è gente della zona, a testimoniare che la cucina è "di sostanza" e c'è un'ottimo rapporto qualità/prezzo. In sala trovate Michele Ghizzoni, un oste come una volta che ci tiene che si finisca tutto quello che viene messo in tavola e per farlo felice si deve chiedere il bis, mentre in cucina il fratello Ivo esce volentieri per salutare a fine serata.
Tra gli antipasti troviamo non può mancare il trittico di salumi piacentini di coppa, salame, pancetta con in aggiunta il prosciutto crudo, tutti ben stagionati localmente e abbondanti, accompagnati da gnocco fritto fatto con farina integrale; chi vuole può chiedere anche un'abbondante fetta di gorgonzola dolce. Altre proposte stagionali tra gli antipasti sono: affettato di culaccia con tortino di fichi, carciofi sott'olio e funghi porcini all'olio extravergine. I primi sono cucinati con passione e, tra questi, primeggiano senza dubbio i tortelli con la coda, molto piccoli, con la sfoglia sottilissima e il ripieno straordinariamente delicato, secondo molti tra i più buoni della provincia di Piacenza; piccoli piccoli sono anche gli anolini in brodo, e tra gli altri piatti troviamo i ravioli verdi di patate, i pisarèi e fasò basotti, i nidi di rondine, i tagliolini ai funghi e risotti.
Dei secondi sono da segnalare il culatello al forno e l'arrosto di vitello ai funghi, ma sono anche disponibili anatra arrosto, roast beef, carpaccio con rucola e grana, filetto e controfiletto alla griglia, e quando è stagione anche funghi fritti e selvaggina.
C'è una bella scelta anche tra i dolci, tra i quali ricordiamo il tiramisu, la meringa col gelato, alcune torte con marmellata e frutta di stagione e altro.
A fine pasto vengono offerti di buon grado gli amari.
Il vino proposto è quello prodotto dagli osti, molto rustico e casareccio, ma se non è nelle proprie corde si può anche scegliere tra alcune etichette locali. Coi dolci però la malvasia dolce e poco alcolica del locale è una perfetta chiusura del pasto.

Per una cena completa si spende intorno ai 30-35 € comprese le bevande.

Carte di Credito: Le principali + bancomat


Antipasti Salumi
Primi Secondi
Dolci Vino
Quantita' Ambiente
Prezzo Voto Globale

(discreto -buono -ottimo -non plus ultra )

Confraternita dei Grass - Piacenza - C.F. 91078890331
Tutti i diritti di sfruttamento sono riservati