Ultima Notizia
26/09/2018
Ottobre è vicino ed è tempo di Utùbar GRASS: la rassegna enogastronomica piacentina organizzata dalla confraternita dei GRASS alla quale hanno aderito ventisette ristoranti presenti nella sua guida. Un evento che coprirà l’intero mese di ottobre con lo scopo di far conoscere le tradizioni culinarie del piacentino. La Confraternita dei GRASS, associazione di promozione sociale che si impegna dal 1999 a promuovere l’enogastronomia della provincia di Piacenza, organizza la Rassegna enogastronomica “Utùbar Grass 2108” in collaborazione con Unione Commercianti Piacenza, Confesercenti e FIPE, con l’obiettivo di far scoprire l’eccellenza della cucina locale e dei prodotti del territorio a sempre più persone provenienti non solo dal territorio stesso, ma anche da quelli contigui. L’evento è patrocinato dalla Provincia di Piacenza e dalla Regione Emilia Romagna. I ristoranti aderenti proporranno, per tutta la durata della Rassegna, per tutti i giorni della settimana, un menu composto da antipasto, primo, secondo e dolce, incluso anche il coperto e l’acqua, ad un prezzo complessivo scontato rispetto a quello normalmente praticato per i singoli piatti. In alcuni casi sono inclusi nel menu vino, caffè, liquore. Saranno inoltre proposte delle bottiglie di vino piacentino, in abbinamento al menu, a prezzo scontato, rispetto a quello normalmente in carta dei vini, per la Rassegna. Tutti i piatti presenti nei menu si baseranno su ricette tradizionali e prodotti del territorio. Le ricette dei piatti proposti da ogni ristorante saranno pubblicate dai GRASS sul loro sito internet, sui social media ad esso collegati (es. Facebook, Instagram, ecc.) e su un eventuale ricettario cartaceo. Per ogni ricetta pubblicata verrà indicato il ristorante che l’ha fornita. Non potevano mancare visite e degustazioni di vini presso le aziende vitivinicole del piacentino, così, ogni domenica, per tutto “l’Utùbar GRASS” è previsto un appuntamento con una cantina differente

vai alle notizie


 
  Le Guide Enogastronomiche

La Guida ai Ristoranti e alle Trattorie

Trattoria del Tempio

Località Vicobarone di Ziano (PC)
tel.  0523 / 86.82.63
Chiusura: lunedì sera e il mercoledì

Per arrivarci: da Piacenza percorrere la via Emilia Pavese fino a Castelsangiovanni; immettersi nel corso Matteotti e, all'altezza della chiesetta di San Rocco, svoltare a sinistra in direzione di Creta. La strada conduce direttamente a Vicobarone e dinanzi al locale, all'altezza della chiesa. Si parcheggia di fronte.
Parcheggio: Si parcheggia senza problemi a lungo la via e nei dintorni.
Coperti: 60+30

data ultima visita: 11/2015



Il locale è inserito in un edificio centrale rispetto a Vicobarone, davanti alla scalinata che porta alla chiesa.
Ben tenuto, ordinato, con due originali selle (si quelle per i cavalli...) adibite a sgabelli del bancone del bar.
Oltre a una sala grande subito a destra del bar ne esiste una piccola e intima col camino (se siete 8/10 persone chiedetela! è veramente intima!).
In estate si può mangiare anche sotto al fresco pergolato esterno.
Si parte con un bell’antipasto misto, vassoio di coppa, salame, pancetta e crudo con gnocco fritto, bruschettina di funghi e formaggio e altre golosità a rotazione e disponibilità.
Bella selezione di primi: oltre ai classici della tradizione, tutti buoni, lo chef si prodiga di non farvi morire di fame (...) con ottime paste ripiene (ravioli alle melanzane, al taleggio ecc...) .
I secondi spaziano dagli arrosti, roast beef, entrecote, carne di cavallo, a seconda di disponibilità.
Per i dolci potete scegliere tra il più classico e goloso tiramisù (chi vi scrive di solito fatica a sentire i dolci successivi se recitati a voce...), o semifreddi, sorbetto e crostate.
La carta dei vini comprende svariate etichette locali e non solo.


Per un pasto completo si spendono 35 €.

Carte di Credito: le principali + bancomat


Antipasti Salumi
Primi Secondi
Dolci Vino
Quantita' Ambiente
Prezzo Voto Globale

(discreto -buono -ottimo -non plus ultra )

Confraternita dei Grass - Piacenza - C.F. 91078890331
Tutti i diritti di sfruttamento sono riservati