Ultima Notizia
26/09/2018
Ottobre è vicino ed è tempo di Utùbar GRASS: la rassegna enogastronomica piacentina organizzata dalla confraternita dei GRASS alla quale hanno aderito ventisette ristoranti presenti nella sua guida. Un evento che coprirà l’intero mese di ottobre con lo scopo di far conoscere le tradizioni culinarie del piacentino. La Confraternita dei GRASS, associazione di promozione sociale che si impegna dal 1999 a promuovere l’enogastronomia della provincia di Piacenza, organizza la Rassegna enogastronomica “Utùbar Grass 2108” in collaborazione con Unione Commercianti Piacenza, Confesercenti e FIPE, con l’obiettivo di far scoprire l’eccellenza della cucina locale e dei prodotti del territorio a sempre più persone provenienti non solo dal territorio stesso, ma anche da quelli contigui. L’evento è patrocinato dalla Provincia di Piacenza e dalla Regione Emilia Romagna. I ristoranti aderenti proporranno, per tutta la durata della Rassegna, per tutti i giorni della settimana, un menu composto da antipasto, primo, secondo e dolce, incluso anche il coperto e l’acqua, ad un prezzo complessivo scontato rispetto a quello normalmente praticato per i singoli piatti. In alcuni casi sono inclusi nel menu vino, caffè, liquore. Saranno inoltre proposte delle bottiglie di vino piacentino, in abbinamento al menu, a prezzo scontato, rispetto a quello normalmente in carta dei vini, per la Rassegna. Tutti i piatti presenti nei menu si baseranno su ricette tradizionali e prodotti del territorio. Le ricette dei piatti proposti da ogni ristorante saranno pubblicate dai GRASS sul loro sito internet, sui social media ad esso collegati (es. Facebook, Instagram, ecc.) e su un eventuale ricettario cartaceo. Per ogni ricetta pubblicata verrà indicato il ristorante che l’ha fornita. Non potevano mancare visite e degustazioni di vini presso le aziende vitivinicole del piacentino, così, ogni domenica, per tutto “l’Utùbar GRASS” è previsto un appuntamento con una cantina differente

vai alle notizie


 
  Le Guide Enogastronomiche

La Guida ai Ristoranti e alle Trattorie

Ristorante il Lupo

http://www.ristoranteillupo.com
Loc.Ciriano di Carpaneto, 54 - Carpaneto P.no
tel.  0523-852705
Chiusura: Giovedì

Per arrivarci: da Piacenza prendere la provinciale per Carpaneto; superato questo paese, dopo un chilometro circa, si entra a Ciriano: il ristorante è all'incrocio sulla destra dal lato opposto della chiesa.
Parcheggio: C'è un parcheggio davanti al ristorante, nei giorni di grande affluenza si parcheggia anche sulla strada.
Coperti: 200+40

data ultima visita: 10/2018



Il Ristorante “Il Lupo” apre i battenti nel maggio del 1995, in un vecchio locale da ballo a Ciriano, una frazione a 3 km da Carpaneto, in bella vista sulla strada provinciale che porta a Castell’Arquato (che si trova a una decina di km di distanza).
La posizione è ideale anche perché si trova a un quarto d’ora di macchina da Gropparello
che negli ultimi anni si è fatto conoscere nel nord Italia per il suo “castello delle fiabe”.
Un altro castello non distante da Ciriano è quello di Paderna, che ospita varie rassegne tra cui la più importante è “ Frutti Antichi”.
Dalla ristrutturazione vengono ricavate due ampie sale contigue,una saletta più riservata e nel corso degli anni successivi una veranda riscaldata per una capienza totale che supera i 200 posti a sedere.
Gli animali domestici non sono ammessi.
In cucina la titolare Rosanna Calamari e le sue cuoche preparano specialità tipicamente piacentine, rispettando la tradizione ed utilizzando ingredienti del territorio.
La sala è gestita dai figli Maria Chiara, Luigi e Francesca, e il risultato è che entrando al Lupo ci si sente a casa, respirando quell’atmosfera calda e accogliente che solo stando in famiglia si può trovare.
Negli antipasti la torta fritta (chisolini) accompagna (ma solo alla sera) il salume piacentino: coppa, salame, pancetta con l'aggiunta del crudo, regina comunque è la coppa che viene festeggiata ogni prima domenica di settembre a Carpaneto. In quella particolare occasione viene preparato un piatto che ormai è un “must”: gli abbracci maialini, un piatto unico a base di pasta di semola fatta in casa condita con ragù, involtini e polpette di maiale.
A pranzo i salumi sono accompagnati da verdure in agrodolce e torte salate, la più tipica è la torta di patate che Rosanna prepara seguendo la ricetta di sua madre.
Tutta la pasta fresca è fatta in casa (tortelli, anolini in brodo, pisarei e faso, panzerotti, tagliolini) ma non mancano piatti originali quali i ‘ravioli del lupo’: ravioli ripieni di zucchine,formaggino tenero e una punta di bacon e i ravioli di coppa al gutturnio e ancora (in stagione) i tortelli di zucca.
Oltre ai secondi classici come arrosti (vitello, anatra faraona coscette di pollo ripiene) e carne alla griglia, ogni martedì a pranzo è tradizione far trovare la ‘picula ad caval’ con la polenta e il cavallo crudo e al venerdì a mezzogiorno (da novembre ad aprile) il merluzzo, piatti che attirano gli appassionati.
Per finire i dolci hanno una presentazione molto semplice ma sono per la stragrande maggioranza tutti fatti in casa, da ricordare il “meringone”, meringa casalinga farcita con zabaione, panna e fragole (si trova spesso nel weekend ma se lo si vuole gustare meglio prenotarlo).
La cantina offre solo etichette piacentine tra gutturnio, barbera, bonarda, ortrugo, monterosso e trebbianino, lo sfuso è solo fermo gutturnio o ortrugo delle colline di Magnano.

Il prezzo di un pranzo completo alla carta va dai 30 ai 35 €, i prezzi sono da prendere nota all' entrata in quanto non avendo il menu in tavola non si possono vedere al momento della scelta dei piatti. Si possono concordare menu per banchetti intorno ai 33€.

Carte di Credito: le principali + bancomat


Antipasti Salumi
Primi Secondi
Dolci Vino
Quantita' Ambiente
Prezzo Voto Globale

(discreto -buono -ottimo -non plus ultra )

Confraternita dei Grass - Piacenza - C.F. 91078890331
Tutti i diritti di sfruttamento sono riservati