Ultima Notizia
26/09/2018
Ottobre è vicino ed è tempo di Utùbar GRASS: la rassegna enogastronomica piacentina organizzata dalla confraternita dei GRASS alla quale hanno aderito ventisette ristoranti presenti nella sua guida. Un evento che coprirà l’intero mese di ottobre con lo scopo di far conoscere le tradizioni culinarie del piacentino. La Confraternita dei GRASS, associazione di promozione sociale che si impegna dal 1999 a promuovere l’enogastronomia della provincia di Piacenza, organizza la Rassegna enogastronomica “Utùbar Grass 2108” in collaborazione con Unione Commercianti Piacenza, Confesercenti e FIPE, con l’obiettivo di far scoprire l’eccellenza della cucina locale e dei prodotti del territorio a sempre più persone provenienti non solo dal territorio stesso, ma anche da quelli contigui. L’evento è patrocinato dalla Provincia di Piacenza e dalla Regione Emilia Romagna. I ristoranti aderenti proporranno, per tutta la durata della Rassegna, per tutti i giorni della settimana, un menu composto da antipasto, primo, secondo e dolce, incluso anche il coperto e l’acqua, ad un prezzo complessivo scontato rispetto a quello normalmente praticato per i singoli piatti. In alcuni casi sono inclusi nel menu vino, caffè, liquore. Saranno inoltre proposte delle bottiglie di vino piacentino, in abbinamento al menu, a prezzo scontato, rispetto a quello normalmente in carta dei vini, per la Rassegna. Tutti i piatti presenti nei menu si baseranno su ricette tradizionali e prodotti del territorio. Le ricette dei piatti proposti da ogni ristorante saranno pubblicate dai GRASS sul loro sito internet, sui social media ad esso collegati (es. Facebook, Instagram, ecc.) e su un eventuale ricettario cartaceo. Per ogni ricetta pubblicata verrà indicato il ristorante che l’ha fornita. Non potevano mancare visite e degustazioni di vini presso le aziende vitivinicole del piacentino, così, ogni domenica, per tutto “l’Utùbar GRASS” è previsto un appuntamento con una cantina differente

vai alle notizie


 
  Le Guide Enogastronomiche

La Guida ai Ristoranti e alle Trattorie

Antica Trattoria Giovanelli

http://www.anticatrattoriagiovanelli.it
Via Roma - Località Sarturano di Agazzano
tel.  0523 / 97.51.55
Chiusura: lunedì e la sera dei giorni festivi

Per arrivarci: da Piacenza, percorrere la via provinciale per Gossolengo-Rivergaro, prendere il ponte di Tuna e subito dopo svoltare a sinistra verso Rivalta. Appena prima del castello svoltare a destra verso Gazzola. Arrivati a Gazzola svoltare a sinistra e andare ad Agazzano. Alla rotonda di Agazzano svoltare a destra e seguire la strada verso Sarturano. La trattoria è in centro al paese.
Parcheggio: parcheggio privato
Coperti: 60 + 60 nella veranda esterna

data ultima visita: 10/2016



Se chiedete a un piacentino dove mangiare ottimi tortelli, con buona probabilità, sul podio dell’elenco, comparirà sicuramente la antica trattoria Giovanelli a Sarturano.
Personalmente chi scrive lo ritiene un vero porto sicuro, gastronomicamente immutabile in maniera rassicurante.
Il locale è ospitato da un edificio vecchio ma curato, con interni suddivisi in tre sale accoglienti, forse un po’ cariche di suppellettili, ma nel complesso non stonano.
Menù e carta dei vini denotano il grande lavoro sulla cucina tradizionale svolto da ristoratori “generazionali”.
Sono presenti diverse etichette di vini, anche non locali, ma tra le etichette piacentine devo dire che è stata fatta una buona selezione di qualità.
Gli antipasti constano di coppa, salame, pancetta e culaccia (tutti davvero ottimi, con una nota di merito per salame e pancetta).
Col salume ci verranno serviti anche cipolline in agrodolce, cavolfiori anch’essi in agrodolce fatti in casa, frittatine di verdure.
Sui primi tradizionali andrebbe aperto un vero e proprio capitolo, tortelli delicati con pasta sottile e ripieno che si scioglie in bocca (presenti anche nella variante di zucca), tagliolini fatti in casa con tartufo locale, anolini piccoli e saporiti con un VERO brodo, ricco e saporito come da tradizione. Siamo stanchi di brodi “in mezza”, leggeri e di dado, che sviliscono magari un anolino anche buono!
I secondi son anch’essi tradizionali, coppa arrosto, faraona, con in carta anche la golosissima e difficile da trovare tasca ripiena (quando vengo prendo sempre quella nonostante buoni propositi degustativi, per cui non mi pronuncio sugli altri secondi).
Succulenta e con un ripieno ottimo è veramente imperdibile.
I dolci sono vari (almeno quattro o cinque tipi) e golosi: tiramisù alla nocciola, torta morbida di mandorle con zabaione, semifreddo di castagne con cioccolato ecc…
C’è anche la possibilità di degustare un bel piatto di formaggi misti con quattro generose porzioni che vanno da una specie di cremosa robiola a un bel grana stagionato.
Con caffè e una bottiglia di vino a coppia, per un pasto completo dall’antipasto al dolce si spende una cifra che va dai 35 ai 40€, assolutamente commisurata a qualità, quantità e perché no, anche cordialità del servizio.
Una nota curiosa e interessante: il locale effettua anche rivendita di prodotti tipici (come i salumi che serve) e della pasta fresca che produce.



Carte di Credito: le principali


Antipasti Salumi
Primi Secondi
Dolci Vino
Quantita' Ambiente
Prezzo Voto Globale

(discreto -buono -ottimo -non plus ultra )

Confraternita dei Grass - Piacenza - C.F. 91078890331
Tutti i diritti di sfruttamento sono riservati