Ultima Notizia
26/09/2018
Ottobre è vicino ed è tempo di Utùbar GRASS: la rassegna enogastronomica piacentina organizzata dalla confraternita dei GRASS alla quale hanno aderito ventisette ristoranti presenti nella sua guida. Un evento che coprirà l’intero mese di ottobre con lo scopo di far conoscere le tradizioni culinarie del piacentino. La Confraternita dei GRASS, associazione di promozione sociale che si impegna dal 1999 a promuovere l’enogastronomia della provincia di Piacenza, organizza la Rassegna enogastronomica “Utùbar Grass 2108” in collaborazione con Unione Commercianti Piacenza, Confesercenti e FIPE, con l’obiettivo di far scoprire l’eccellenza della cucina locale e dei prodotti del territorio a sempre più persone provenienti non solo dal territorio stesso, ma anche da quelli contigui. L’evento è patrocinato dalla Provincia di Piacenza e dalla Regione Emilia Romagna. I ristoranti aderenti proporranno, per tutta la durata della Rassegna, per tutti i giorni della settimana, un menu composto da antipasto, primo, secondo e dolce, incluso anche il coperto e l’acqua, ad un prezzo complessivo scontato rispetto a quello normalmente praticato per i singoli piatti. In alcuni casi sono inclusi nel menu vino, caffè, liquore. Saranno inoltre proposte delle bottiglie di vino piacentino, in abbinamento al menu, a prezzo scontato, rispetto a quello normalmente in carta dei vini, per la Rassegna. Tutti i piatti presenti nei menu si baseranno su ricette tradizionali e prodotti del territorio. Le ricette dei piatti proposti da ogni ristorante saranno pubblicate dai GRASS sul loro sito internet, sui social media ad esso collegati (es. Facebook, Instagram, ecc.) e su un eventuale ricettario cartaceo. Per ogni ricetta pubblicata verrà indicato il ristorante che l’ha fornita. Non potevano mancare visite e degustazioni di vini presso le aziende vitivinicole del piacentino, così, ogni domenica, per tutto “l’Utùbar GRASS” è previsto un appuntamento con una cantina differente

vai alle notizie


 
  Le Guide Enogastronomiche

La Guida ai Ristoranti e alle Trattorie

Locanda Cacciatori

http://www.locandacacciatori.com
Località Mistadello di Castione, 2, Ponte dell'Olio
tel.  0523-875105
Chiusura: Mercoledì

Per arrivarci: Da Piacenza prendere la SP di Val Nure in direzione Grazzano Visconti - Bettola. Superare Grazzano Visconti e proseguire per altri 6-7 km fino a Ponde dell'Olio. Superato il ponte sul torrente Nure proseguire per alcune centinaia di metri e poi svoltare a sinistra seguendo le indicazioni per "Castione" o "Locanda Cacciatori". La strada di arrampica per un po' sulle colline.
Parcheggio: Ampio parcheggio antistante.
Coperti: 200

data ultima visita: 10/2018



La Locanda Cacciatori, situata sulle prime colline piacentina, è una storica locanda sapientemente ristrutturata ed ampliata nel corso degli anni. Al piano terra numerose sale (tra cui una anche con camino) sono in grado di accogliere un ampio numero di commensali (nel periodo estivo troviamo anche una meravigliosa terrazza affacciata sulle colline dove è possibile mangiare accarezzati da una piacevole brezza), mentre al primo piano alcune stanze finemente ristrutturate permettono di alloggiare.
In sala troviamo anche il proprietario Piero, che gestisce il locale di famiglia da ormai cinquanta anni, mentre in cucina la signora Germana prepara meravigliosi manicaretti per i suoi ospiti.
Ottimi i salumi (ad ogni tavolo, oltre a tutti i tipici salumi piacentini, viene portata un’assetta con strolghino e mariola da affettarsi in autonomia) da accompagnare con una croccante (ed abbondante) bortellina che, assieme alla giardiniera e alle torte salate, compongono un antipasto sinceramente sfizioso. Segnaliamo inoltre che, nel perido invernale, viene servito un ottimo salame in crosta cotto al forno: una vera gourmerì difficile da trovare altrove.
Tra i primi annotiamo i tortelli con la coda, gli anolini, le crespelle ed i panzerotti a cui si aggiungono i tagliolini ai funghi (rigorosamente in bianco) ed al tartufo quando la terra li dona.
Noi abbiamo mangiato un abbondante piatto di tortelli con la coda (con ampia colata di burro fuso) davvero buoni e delicati.
Tra i primi, oltre ai tradizionali arrosti (stinco, vitello ed anatra) accompagnati da rondelle di patate gratinate, nel periodo invernale troviamo la cacciagione in umido (cinghiale e lepre) servita con ottima polenta grigliata.
Noi abbiamo gustato un ottimo cinghiale in umido,guarnito con rondelle di patate gratin.
Tra i dolci (oltre alla tradizionale crostata ed alla sbrisolona) da non perdere il tris di semifreddi: al mascarpone e cioccolato, agli amaretti ed infine alla nocciola. Un vero e proprio tripudio che ci ha lasciato sinceramente stupiti.
Ampia ed assortita la carta dei vini, ma ci si può anche accontentare del “vino della casa”, venduto anche a calice.


Per un abbondante antipasto, un corposo primo, un succulento secondo, un fantastico dolce ed una bottiglia d’acqua abbiamo speso poco più di 30 Euro, una spese che riteniamo assolutamente congrua alla genuinità delle pietanze offerte, all’impeccabile servizio ed alla tipicità del locale.

Carte di Credito: le principali + bancomat


Antipasti Salumi
Primi Secondi
Dolci Vino
Quantita' Ambiente
Prezzo Voto Globale

(discreto -buono -ottimo -non plus ultra )

Confraternita dei Grass - Piacenza - C.F. 91078890331
Tutti i diritti di sfruttamento sono riservati